Il nostro progetto

Il nostro intento è quello di suggerire un approccio al mondo calcistico, da parte degli operatori e delle famiglie coinvolte, che sia diverso dalla cultura sportiva attualmente prevalente all’interno delle società di calcio. E’ verificata la politica che ispira ogni Prima Squadra, che attraverso metodologie consolidate (“attenzione alla tecnica” e “possesso palla; gioco palla a terra”), mira a cogliere l’essenza della propria attività: la vittoria in campionato.

Si tratta di considerazioni importanti perché questa filosofia che viene trasmessa dalla società non può che facilitare il compito di chi opera all’interno del Settore Giovanile. Per noi l’obiettivo principale non è la vittoria dei campionati, ma la formazione di calciatori attraverso la formazione di giovani. Quindi, l’educazione della persona, prima di quella del calciatore. Anzi, siamo convinti che la presenza di allenatori che abbiano competenze non solo tecniche e calcistiche, ma anche formative e pedagogiche, favorisca la formazione di calciatori (attraverso la formazione della persona).

La società di calcio, e a maggior ragione quelle di categorie superiori, deve essere considerata una “agenzia di formazione”. Infatti, solo pochi ragazzi presenti nel Settore Giovanile diventeranno calciatori professionisti, ma tutti possono diventare delle persone che hanno seguito un percorso di formazione e che avranno una corretta cultura sportiva. Quando parliamo di questi aspetti, qualcuno replica che, se ci poniamo questi obiettivi, penalizziamo la formazione tecnica. Non siamo d’accordo! Il lavoro tecnico deve essere di grande qualità e la formazione umana lo favorisce.

Fortemente convinti di quest’ultima considerazione, vogliamo creare un canale di comunicazione con tutti quanti condividono il nostro tentativo che, al momento, si traduce in un impegno a diffondere idee al fine di migliorare la percezione dell’ambiente in cui operiamo quotidianamente per professione o anche
semplicemente per passione, ma in ogni modo con professionalità.
La scuola calcio non è solo tecnica, schemi o tattica. Ha infatti l’ambizione di essere anche occasione di riflessione su argomenti che apparentemente esulano dalla nostra sfera di competenza, ma se affrontati con il dovuto interesse e con una buona dose di volontà, possono aiutarci a crescere e maturare. Perché se il punto di arrivo è il pallone, per raggiungere l’obiettivo si possono seguire diverse strade. Noi abbiamo scelto quella del percorso educativo, con l’auspicio e la presunzione di poter aprire le menti (la nostra e quelle di chi ci segue), ancor prima di aprire le porte di uno spogliatoio, affinché rimanga della sostanza anche dopo il pallone.